Luna

Eri mia nei giorni passati 

Assonnata volgevi lo sguardo alla notte 

E curiosa

Ti meravigliava il mare 

Senza mai saziarti

E il rumore delle sue onde 

 

Ascoltavi le canzoni dell’uomo ubriaco 

E ti sfiorava il vento

Il tuo sorriso il tuo parlare

 

Luna 

Non ho quiete

Luna eri mia nei giorni passati 

Luna timida 

Alle mille stelle del cielo

E a questo lembo di terra feroce

Oggi volgi il tuo sguardo 

 

Luna 

Vorrebbe stringerti l’uomo ubriaco 

E lasciare il suo sangue scendere sul tuo corpo bianco

Come acqua che scorre da stupende montagne bianche di neve

As a contemporary artist Cristina likes to experiment with different media. Text is one of this.