San Gerolamo scrivente ovvero reinterpretazione con ironia